rosado

28 gennaio 2008

SHOA


Ieri si è celebrata la giornata della memoria della Shoa, ma ho deciso di scriverci un post oggi, perchè, a parte quella specifica occasione all'anno, questa tragedia dell'umanità non va dimenticata MAI.
Nella mia famiglia, ho avuto mio nonno deportato a Dachau, che però fu uno dei fortunati sopravvissuti con la liberazione.
Mio padre mentre era già sul treno, è riuscito a sfuggire con un'amico, ma ha rischiato la fucilazione più di una volta... Cose che sembrano "Vecchie storie da narrare, che non ci riguardano più"...
Ieri sera per l'ennesima volta ho guardato Shindler's list, uno dei tanti film, molto ben fatto, sull'argomento e sono rimasta, come sempre, toccata profondamente dalla vicenda e dalle immagini, ma poi mi viene da domandarmi: come mai, non riusciamo più a provare la stessa indignazione e lo stesso orrore di fronte a immagini simili che ci passano davanti. ogni giorno, ai nostri giorni, attaverso la TV.
Spesso qui ,nelle nostre comode case, ci illudiamo di vivere in un tempo di pace, ma così non è: in tutto il mondo, proprio in questo momento in cui state leggendo questo post, navigando su internet, ci sono moltissime guerre, soprusi, violenze, omicidi.
Siamo in tempo di Guerra, ma viviamo spesso nell'indifferenza di tutto questo. Sappiamo di più e più velocemente, ma questo invece di aiutarci a migliorare, a sensibilizzarci, ci rende apatici come se si stesse guardando uno dei tanti spettacoli e realities che ci vengono propinati tra la notizia di un kamikaze e un'altra, anestetizzati!
Bhe, io penso che qualcosa si debba fare per darci uno svegliata... per quanto mi riguarda, desidero "ricordare" , desidero che queste cose penetrino a fondo nel mio DNA e in quello dei miei figli, e ci aiutino a darci quello scossone che occorre davanti alle stragi dei nostri giorni. Non ho intenzione di vivere ossessionata da questo, ma di essere conscia , lucida e sensibile, perchè un giorno per ricordare , non basta.
Anche ciò che sta accadendo al nostro governo, è frutto dell'indifferenza... Ogni giorno in TV si sono spese mille parole dalle diverse parti politiche, ma parole per farsi le scarpe o screditarsi gli uni con gli altri, in un perenne conflitto verbale e mediatico, nell'indifferenza di ciò che serve davvero alla gente comune; di fronte al video la popolazione, anch'essa, è spesso indifferente e assiste inerte a queste schermaglie che ormai sono considerate "normali", alla stregua del gossip sulla ballerina o i reality...
Ecco, penso che nel giorno della memoria, ci si dovrebbe ricordare anche di quanti hanno dato la vita perchè fossimo un paese libero e democratico.. forse il modo con cui ci si sta comportando, ora, è davvero come gettare via, (per dirla in buona maniera), tutti quei sacrifici e quelle morti.
Per non dimenticare...bisogna ricordare, e AGIRE DI CONSEGUENZA!!

Yesterday we have celebrated the memorial day for the Shoa. I've decided to write a post about it only today as I think one day a year is not enough to remember.
My Grandfather was one of the lukies survivors from Dachau and my father was able to escape from a train and risked the execution more than one time. Those seems old stories to tell, so far from us...
Yesterday night I've watched Shindler's List movie once again and as always it has touched me deeply, but now I ask myself why we aren't so horrified or indignant in front of similar images that every day we watch during news. We are often indifferents in front of the umpteenth kamikaze or slaughter, that TV shows between a reality and a show every single day, nowaday.
I'd like to be awake in front of this REAL-ITY of my time. We are still living in war times although we are in our cozy houses, and we have to be conscious of this fact.
Even what is happaning in the Italian Governament in these days is the result of the indifference. The indifference of our politician that have spent too much words chatting and arguing in a perennial conflict instead of pay attention to the people's needs. The indifference of the audience that watch at those fights as a normal routine zapping from gossip to a parlament debate.
I've decided to be more conscious, sensitive and pay more attention to the world I'm living in.
to forget not, we need to remember and ACT CONSEQUENTLY!

9 commenti:

AnnaDrai ha detto...

grazie per questo e per tutti gli spunti di riflessione che ci trasmetti nel tuo blog

Erre54 ha detto...

io sono stata a visitare Dachau ,i c'e un odore nauseabondo , ti senti un peso addosso di no so che cosa, un silenzio innaturale.
hai letto il libro "la casa di via Garibaldi"? e MIla 18 ?
te li consiglio
Ciao
Erre54
grazie per essere passta dal io blog

Alessia ha detto...

Io non ho nessuna conoscenza diretta dell'olocausto (per ideratta intendo parenti, conoscenti, amici) però sono d'accordo con te, mai dimenticare il passato ma neppure coprirsi gli occhi davanti al presente che in molti posti è orribile come allora!

Manu ;-) ha detto...

è da un pò che non passo (anche io come te ho poco tempo per girellare nei blog come vorrei :) ), ma ogni volta che mi fermo trovo modo per riflettere... grazie!

Silva ha detto...

grazie per la tua riflessione...parole sante!
un bacio
Silva

Paoletta ha detto...

ciao chicceta non ti lascio mai commenti ma passo spesso, bacioni

marisa ha detto...

Leggo in ritardo le tue parole e sono pienamente e indignatamente d'accordo con te.

Libera ha detto...

non c'è altro da aggiungere... DA NON DIMENTICARE...

Le Creazioni di Sarah ha detto...

Diversi anni fa con mio marito siamo andati a visitare Dachau, ricordo quel momento con grande emozione, quando abbiamo oltrepassato quel cancello... non siamo più riusciti a scambiarci una parola, la mia anima è stata sommersa da un dolore profondo a da una indignazione.... hai ragione, NON DOBBIAMO DIMENTICARE!!!!
Sarah